Salonicco

Written by Romania SalvatoreMarco

Topics: Viaggio

Paralia - mattina

Essendo andato a letto alle 21 ieri sera questa mattina mi sveglio bello che riposato alle 7 di matitna…..rimango in dormiveglia,  e poco dopo(non so esattamente l’ora) sento che inizia a piovere….nooooo bastaaaaaaaaa…. Ma fortunatamente ha fatto solo due gocce. Apro la tenda e vedo che il tempo è na schifezza! Va be oggi rimango qui fermo. Dopo giri e rigiramenti dentro il sacco a pelo, decido di uscire…il tempo è devvero brutto…..che fo? Cerco di capire che direzione hanno le nuvole, ma mi rendo conto che la direzione delle nuvole sono influenzare dal mio pensiero…se dicido che le nuvole vadino verso destra le vedo andare verso destra, se deciso che devono andare a sinistra le vedoandare a sinistra, quindi non capisco che diavolo di movimento hanno queste nuvole.

La Mattinata la passo a vedere il tempo e a decidere se rimanere o partire, se rimango so che tutto il giorno non farò una mazza se parto so che mi  prenderò tanta acqua…… Oggi è il compleanno di mio padre e gli mando un messaggio facendogli gli auguri. Verso mezzogiorno vedo che a nord il cielo si libera, quindi decido di partire verso Salonicco (Thessaloniki), smonto tutto e carico la moto. Lungo la strada mi decido di fermarmi in un distributore per dare una lavata alla moto, visto che ormai è da quasi 3 settimane che è sporca di fango e con la sabbia di ieri è  è meglio che gli dia una bella lavata altrimenti la catena  e altri parti si usurano piu facilmente.

Paralia

Lungo la strada esce fuori il sole,  e inizia fare  caldo… che bello sono felicissimo e di buon umore. Arrivato vicino a Sallonicco per strada becco un motociclista con un ktm …. Che si affianca e mi saluta, naturalmente ricambio, e mi metto a seguirlo, finchè ad un semaforo gli chiedo dov’è diretto….lui mi dice qualcosa ma avendo il casco integrale non capisco na mazza finche ci acostiamo e ci presentiamo, lui si chiama Stefan e mi domanda qual è la mia destinazione di oggi e gli rispondo che non ho programmi, quindi mi domanda se ho voglia di andare a casa sua per mangiare qualcosa e se voglio riposarmi visto che lui abita vicino il centro. Naturalmente gli rispondo che per me va piu che bene, quindi lo seguo. Arrivati in centro inizia a piovere(temporale estivo) facendo diventare le strade una tavoletta di sapone, e io ovviamente addosso non ho nulla di impermeabile quindi mi lavo completamente. sia io che lui andiamo ai 30km/h perche è davvero pericoloso, e quando passo le strisce pedonali o le linee tratteggiate la moto mi parte di culo…

Arrivamo a casa sua e visto che sono zuppo porto su a casa sua tutte le borse compresa la borsa dei vestiti per cambiarmi. Appena entriamo mi indica subito la mia stanza, dove ci posso appoggiare le borse, e mi fa fare un piccolo tuor del suo appartamento. Iniziamo a parlare e scopro che sta tornando da Belgrado perche la sua ragazza vive li e la va a trovare una volta ogni due o 3 settimane. Mi domanda anche se ho problemi per il mangiare, e se preferisco andare a mangiare fuori una pizza, pita o sandwich, o se preferisco andare a mangiare a casa dei suoi genitori, naturalmente gli dico che non ho nessun problema e che per me va benissimo andare a mangiare a casa dei suoi genitori(che oltretutto  stanno a 2 minuti da casa sua). Fuori  Smette di piovere, e una volta cambiato e sciacquato u paio di calzini e mutande e stesi fuori per asciugarli, con la sua ktm andiamo a casa dei suoi. Me li presenta e mi presento e a primo impatto sono delle persone davvero simpatiche e socievoli. Mentre aspettiamo che  inizi la moto gp la madre ci porta il pranzo, tre peperoni ripieni con del riso e non so cosa, delle patate al forno e della feta greca. I peperoni ripieni sono davvero buonissimi, forse è anche perché è da tre settimane che non mangio decentemente a parte a casa di Thodoris. Gli faccio fin da subito i complimenti per i buonissimi peperoni. Mentre mangiamo inizia la moto gp e ce la vediamo fino alla fine! Finita la gara ci alziamo e ce ne andiamo, naturalmente saluto i suoi e li ringrazio ancora per la ospitalità e per il pranzo.

Io e  Stefan torniamo a casa per  prendere la mia moto, perche deve passare a prendere su un suo amico che è senza  mezzi. Presa la moto lo seguo e arriviamo in un posto dove si è dato appuntamento con il suo amico e qui conosco Christos. Montato dietro a Stefan ci dirigiamo verso il centro, qui il traffico è molto piu tranquillo rispetto ad Atene. Una volta arrivati, parcheggiamo le moto e iniziamo a camminare andando verso lungo mare. Qui non ci stanno spiagge per farsi il bagno, la prima spiaggia è a circa 20km(anche perche l’acqua qui non è molto pulita), quindi molti giovani nel week end si ritrovano sotto la torre bianca(Simbolo della città) dove ci stanno dei piccoli prati verdi attaccati al lungo mare, dove la gente mette su musica, balla, scherza, prende il sole… in poche parole fa festa. Passeggiamo e Crhi e Stefan mi raccontano un pola storia della città su come è strutturata e com’è la vita qui! Alla finè mi dicono che è una città universitaria e sentendo i loro racconti mi viene in mente come era padova anni fa, cioè sempre gente in giro, festa, bar aperti fin notte tarda. Finiamo nella piazza principale dove ci sediamo in un bar a prendere il classico caffe/cappuccino freddo, e dove ci fermiamo a chiacchierare per una bella oretta. Crhi e Stefan risultano essere delle persone molto simpatiche e disponibili. Qui in grecia l’ospite non paga mai quindi anche questa volta Ste mi offre quello che ho bevuto. Una volta alzati mi portano a visitare la città facendomi vedere la città vecchia e alcuni monumenti.

Fatta l’ora di cena torniamo a casa doveSte ordina da mangiare e si fa portare a casa delle pità, e mentre mangiamo gli faccio vedere le foto che ho fatto fin’ora  e di altri viaggi tipo quello in portogallo e polonia. A un Certo punto suona il campanello di casa… è un’amica di Stefan che appena sente che sono italiano prova a parlarlo anche lei, perché lo ha studiato  per un anno. Si fa sera e qui i ragazzi mi portano a fuori per farmi vedere Salonicco by night. La città è piena di gente e di locali aperti Christos mi dice che qui ogni sera è cosi, essendoci molti studenti la città è sempre VIVA! Devo dire che questa città anche essendo grande mi piace!