Savalia

Written by Romania SalvatoreMarco

Topics: Viaggio

Dopo aver puntato la sveglia ieri sera alle 8.30, questa mattina per la sauna che ci sta in tenda mi sveglio alle 7. Oggi essendo in spiaggia e essendoci un’ottima giornata, preparo la borsa della tucano(sacco a pelo, materassino, e vestiti), e mentre lascio la tenda ad asciugare dall’umidita della notte mi vado a tuffare in mare …acqua gelida, ma e una sensazione bellissima, alzarsi e buttarsi direttamente al mare e farsi una nuotatina. L’aqua è pulitissima, sono l’unico  che nuota allegramente in questo splendido mare….ma come sempre devo trovare un difetto…..ci sta la sabbia….io odio la sabbia.

Dopo essermi asciugato alla luce del sole ed aver preparato i bagagli vedo che si sono fatte le 10.30, è ora di partire e passare al bar di Teo per fare la colazione( teo è un ragazzo che ho conosciuto ieri sera in spiaggia mentre cucinavo, e mi ha invitato a passare dal suo bar per la colazione)

Arrivo in questa piccolissima citta(SAnavia)  a 6 km dalla spiaggia, e mi metto a cercare la la Platia dove teo ha il suo bar, ed essendo un paese molto piccolo non trovo molta difficoltà, parcheggio la moto e vedo teo che esce e mi fa cenno da entrare. Entro, lo saluto e lui mi domanda subito cosa voglio da bere…gli domando se il caffè è espesso o alla turca….lui mi risponde che è espresso….allora visto che è da un bel po che non lo bevo ordino un capuccino, e gli domando se ha qualcosa da mangiare tipo brioche o qualcosa di dolce, e lui mi dice che non tiene cose da mangiare ma se voglio dietro ci sta la panetteria che fa pane pizze e pezzi di tavola calda, quindi gli dico di non preoccuparsi e che va bene solo il capuccino. Una volta fatto il capuccino me lo porta al tavolo e vedo che mi fa il gesto di aspettare un’attimo e ved che se ne va via….io aspetto e dopo due minuti arrivacon delle riviste di moto e con un pezzo di tavola calda incartato indicandomi che è per me.  Lo ringrazio e lgi dico che me la porto via e me al mangio a mezzogiorno. Iniziamo a parlare di moto e di viaggi, e lui mi dice che l’anno scorso è andato in turchia con la ua moto(un TDM) e con alcuni suoi amici, e mi racconta un po il suo viaggio dandomi delle dritte per quando andrò li. prende anche la macchinetta fotografica e mi fa vedere le bellissime foto di questo viaggio. Allora pure io prendo la macchinetta e inizio a fargli vedere le foto n che ho fatto in questa prima settimana di viaggio e raccontandogli un po le esperienze che ho avuto fin’ora.  Nel frattempo arrivano alcuni suoi amici e incuriositi dalle foto e dalla storia del mio viaggio iniziamo a chiacchierare finche mi domandano se stasera rimango a sanavia per uscire con loro visto che oggi  è sabato e che inizia la stagione estiva(aprono i bar sulla spiaggia), visto  che non ho nessuna tabella di marcia da rispettare gli dico che mi fermo volentieri.

Gli domando se per caso nel paese ci sia internet, mi rispondono di no ma uno di loto mi dice che se riesco a prendere la sua linea con il wi-fi posso colegarmi alla sua linea, faccio una ricerca e vedo che anche se con poco segnale  ricevo  la sua linea.  Si fa l’ora di pranzo e i ragazzi se ne tornano a casa a mangiare, io rimando fuori dal baretto a mangiarmi il npezzo di tavola calda e visto che ci sta internet mi metto a leggere la posta e a uppare un po di foto su internet. Leggendo la posta vedo che 3 persone mi hanno fatto delle donazioni….non ci credo di gia? (ragazzi vi ringrazio di cuore. Appena ho qualche giorno libero e con internet faccio una pagina per ringraziarvi… intanto mandatemi un’email con una vostra foto e con due righe spiegando il motivo della donazione :P)

Si fanno le 15, e teo mi continua a domandare se voglio qualcosa da bere, ma visto queste cose lui me le offre essendo suo ospite, e  non volendo scroccare gli dico che per il momento  sono a posto. Nel frattempo arrivano i suoi amici che vengono a prendersi un capuccino freddo(qui in grecia ne fanno un’uso industriale  tra capuccino e caffe freddo) e una volta che lo hanno ordinato anche loro si mettono a dirmi cosa voglio da bere, allora visto che non voglio piu sentirmi dire “che cosa voglio da bere” ordino una fanta.  Finito di bere io e Stavros visto il caldo che ci sta decidiamo di andare al mare. Nel pomeriggio la spiaggia non è che sia piena, ci sta giusto qulache persona che si prende il sole. Dopo qualche minuto arriva anche un amico di Stavros e indovinate un po ….è il sosia di Reka! è identicoooo in tutto per tutto assomiglianza fisica e comportamentale, e ha la stessa risata! Passiamo il pomeriggio a prendere il sole e a parlare del piu e del meno finche per l’ora di cena, io me ne vado a mangiare qualcosa e a fare un po di spesa(acqua  per bere e salviette umidificate per togliermi il sale e da utilizzare quando la natura chiama)

Alle 21 abbiamo l’appuntamento al bar di teo dove beviamo un paio di birrette aspettando l’ora per andare al lungomare dove ci stanno i locali. Arrivata l’ora salutiam teo, che purtroppo non può venire con noi visto che deve lavorare, e andiamo verso la zona marittima, purtroppo quando arriviamo la situazione non è come speravano, ci sta poca gente,cmq non ci scoraggiamo, ci prendiamo lo stesso qualcosa da bere. Dopo di che vedendo che la situazione li non è tra le migliori decidono di andare in una citta vicina dove ci sta un po di vita notturna, e mi portano in un posto suepr chic dove solo per entrare chiedono 10€, ma grazie a reka(un bodyguard) ci fanno entrare gratis e ci offrono da bere. Musica da tunz e tutunz, fino alla musica commerciale, ed è pieno di gente. Finiamo la serata fermandoci a mangiare un hot dog(come facevamo noi un tempo con il lurido) per assorbire un po l’alcool. Arriviamo a casa di Stavross dve ho la moto alle 4.30, la prendo e mi dirigo  verso il mare per montare la tenda finendo a letto alle 5.

Teo e la sua TDM